Nota metodologica

Metodologia di rendicontazione

La Dichiarazione Non Finanziaria è stata redatta prendendo in conformità ai “Global Reporting Initiative Sustainability Reporting Standards” (nel seguito GRI Standards), definiti nel 2016 dalla Global Reporting Initiative, secondo l’approccio “GRI-referenced“, con riferimento alla selezione di GRI Standards specificati nella tabella che segue.

In particolare, per ciascun tema rilevante, la descrizione delle politiche praticate e dei processi di dovuta diligenza è basata sulle richieste del D. Lgs. 254/2016 e dei GRI Standards relativi alla “Disclosure on Management Approach”, mentre gli indicatori di performance sono stati scelti, tra quelli proposti dal GRI, in base a criteri di rilevanza e rappresentatività rispetto alla realtà e ai business del Gruppo.

La tabella di seguito riporta il dettaglio dei GRI Standards selezionati per la Dichiarazione Non Finanziaria, compresi i “GRI G4 Financial Services Sector Disclosure”:

Capitoli Paragrafi GRI Standards a cui si fa riferimento
nella Dichiarazione Non Finanziaria 2017
Note
3. Governance e presidio dei rischi Governance 102-18 Struttura di governance Si veda anche la Relazione sul Governo Societario 2017.
103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
Modello di gestione aziendale 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
103-3 Valutazione dell’approccio di gestione  
102-17 Meccanismi di segnalazione riguardo all’etica  
Gestione del rischio 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
102-15 Impatti, rischi e opportunità più rilevanti  
102-30 Efficacia dei processi di gestione del rischio  
4. IFIS Integrity Integrità della condotta aziendale 102-16 Valori, principi, standard e regole di comportamento  
103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
102-17 Meccanismi di segnalazione riguardo all’etica  
Prevenzione della corruzione 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
205-2 Comunicazione e formazione su politiche e procedure anticorruzione Informazioni relative a comunicazione delle politiche anti-corruzione a organi di governo, dipendenti e business partner (a, b, c) e formazione sulle politiche anti-corruzione agli organi di governo (d) non reperibili per l’esercizio 2017.
205-3 Casi di corruzione confermati e relative misure intraprese  
Conformità normativa 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
419-1 Non conformità alle normative in ambito economico e sociale  
Qualità del credito 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
Trasparenza verso il mercato 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
Tutela dei dati personali 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
418-1 Reclami documentati relativi a violazioni della privacy e fughe, furti o perdite di dati  
Sicurezza informatica 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
5. IFIS People Occupazione e integrazione 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
401-1 Nuove assunzioni e turnover  
102-8 Informazioni sui dipendenti e altri lavoratori Spaccato per distribuzione geografica (b) non reperibile per l’esercizio 2017.
102-41 Accordi di contrattazione collettiva  
405-2 Diversità degli organi di governo e dei dipendenti Si veda anche la Relazione sul Go-verno Societario 2017.
Formazione 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
404-1 Ore medie di formazione annue per dipendente  
404-2 Programmi di sviluppo delle competenze e di assistenza alla transizione Informazioni su programmi di assistenza alla transizione (b) non reperibili per l’esercizio 2017.
Valutazione delle performance 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
404-3 Percentuale di dipendenti che ricevono valutazioni regolari delle performance e dello sviluppo della propria carriera  
Remunerazione 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
401-2 Benefit riconosciuti ai dipendenti a tempo pieno Spaccato per distribuzione geografica non reperibile per l’esercizio 2017.
405-2 Rapporto tra la retribuzione base e la remunerazione donne / uomini Informazioni relative alla remunerazione complessiva e spaccato per distribuzione geografica non reperibili per l’esercizio 2017.
Non discriminazione 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
406-1 Episodi di discriminazione e azioni correttive intraprese  
Salute e sicurezza sul lavoro 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
403-1 Rappresentanza dei lavoratori in comitati formali azienda-lavoratori per la salute e sicurezza  
403-2 Tipologie e tassi di infortunio, malattie professionali, giorni persi e assenteismo, fatalità lavoro-correlate Informazioni relative a malattie professionali, giorni persi e assenteismo, fatalità lavoro-correlate dei dipendenti (a) e dati relativi a collaboratori esterni (b) non reperibili per l’esercizio 2017.
6. IFIS Customers Sostegno all'imprenditoria e inclusione finanziaria dei clienti 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
FS14 Iniziative per migliorare l’accesso ai servizi finanziari per le persone svantaggiate Informazioni relative a target, grado di estensione e stato di avanzamento delle iniziative non reperibili per l’esercizio 2017.
Innovazione digitale 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
Qualità di prodotti e servizi 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
Trasparenza verso i clienti 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
417-2 Casi di non conformità a regolamenti sull'etichettatura dei prodotti e dei servizi  
417-3 Casi di non conformità a regolamenti relativi alle comunicazioni di marketing  
7. IFIS Responsibility Prevenzione degli impatti ambientali indiretti 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  
102-11 Principio di prevenzione o approccio preventivo  
FS1 Politiche con specifiche componenti ambientali e sociali applicate alle linee di business Informazioni relative a influenza delle politiche su decisioni relative a prodotti / servizi e dialogo con gli stakeholder non reperibili per l’esercizio 2017.
IFIS Community 103-2 Approccio di gestione e sue componenti  

 

 

Dal punto di vista del processo, le funzioni aziendali e le principali Aree di business sono state coinvolte sia nella fase di definizione dei temi su cui focalizzare la rendicontazione sia nella raccolta di contenuti qualitativi e dati quantitativi necessari alla redazione della Dichiarazione. La raccolta delle informazioni è avvenuta attraverso un processo centralizzato, che ha visto le funzioni di Banca IFIS consolidare i dati provenienti da tutte le società controllate, sotto il coordinamento della funzione Finance.

La predisposizione della Dichiarazione Non Finanziaria ha periodicità annuale e prevede un raffronto con le informazioni fornite negli esercizi precedenti. Poiché il 2017 è il primo esercizio di pubblicazione della Dichiarazione Non Finanziaria ex. D. Lgs. 254/16, nel documento è stata fornita la comparabilità solamente per dati già pubblicati nell’introduzione al Bilancio Consolidato 2016; per i restanti dati, il raffronto con gli esercizi precedenti sarà possibile a partire dalla prossima Dichiarazione Non Finanziaria. I dati sono calcolati in modo puntuale sulla base delle risultanze contabili, extracontabili e degli altri sistemi informativi in uso presso le funzioni competenti, e validati dai relativi responsabili.

La Dichiarazione Non Finanziaria è sottoposta a revisione limitata da parte di una società indipendente, EY S.p.A., incaricata anche della revisione legale dei bilanci del Gruppo Banca IFIS.

Metodologia di analisi di materialità

Il processo di analisi di materialità avviato ai fini della Dichiarazione Non Finanziaria 2017 è stato basato sui riferimenti metodologici forniti dai GRI Sustainability Reporting Standards 2016 e dalla Comunicazione 2017/C 215/01 della Commissione Europea (“Orientamenti sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario”). Sono stati inoltre tenuti in considerazione il supplemento di settore Financial Services Sector Supplement del GRI e le Linee guida ABI (Associazione Bancaria Italiana) sull’applicazione in banca degli indicatori del GRI e i Principi di redazione del Bilancio Sociale del GBS (Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale).

Il processo ha previsto una prima analisi di fonti documentali interne ed esterne, che ha permesso di identificare i temi potenzialmente rilevanti per l’azienda (in termini di obiettivi, strategie, politiche, approcci e sistemi di gestione) e per il contesto esterno (in termini di principali questioni settoriali e i temi di interesse per alcuni stakeholder istituzionali, standard setter, investitori e analisti finanziari). Per quanto riguarda la dimensione esterna, trattandosi del primo anno di redazione dell’informativa non finanziaria, si è valutato di non prevedere un’attività specifica di coinvolgimento di stakeholder esterni e di privilegiare l’utilizzo di informazioni già disponibili in azienda e il consolidamento della conoscenza e della cultura interna su questi temi.

A partire dagli esiti delle analisi condotte è stata elaborata una lista di temi potenzialmente rilevanti per la Banca, che sono stati associati agli ambiti del Decreto. Attraverso il coinvolgimento dei responsabili delle principali funzioni e Aree di business è stata affinata e validata la lista dei temi potenzialmente rilevanti e sono state raccolte, per i temi di pertinenza di ogni funzione, informazioni sulle priorità nelle strategie aziendali, sull’attuale approccio di gestione, sui principali rischi e impatti e sugli eventuali stimoli normativi emergenti.

Sulla base delle informazioni raccolte dalle interviste e dalle fonti interne ed esterne, attraverso un’analisi quali-quantitativa, è stato quindi elaborato il ranking dei temi rilevanti per Banca IFIS (rappresentato nel capitolo “I temi rilevanti per gli stakeholder”), che ha consentito di identificare gli argomenti da trattare nella Dichiarazione Non Finanziaria consolidata 2017.

Alcuni dei temi che, alla luce dell’analisi condotta, non sono risultati rilevanti, riguardano contenuti espressamente citati dal D. Lgs. 254/16 nell’ambito dell’art. 3 c. 2. Si riportano di seguito le motivazioni dettagliate alla base della valutazione di non rilevanza di tali temi:

Ambiti del D. Lgs. 254/16 Specifici contenuti ex art. 3, comma 2 Temi considerati nell’analisi di materialità 2017 Esito dell’analisi di materialità 2017
Temi ambientali Utilizzo di risorse energetiche, distinguendo fra quelle prodotte da fonti rinnovabili e non rinnovabili Consumi energetici Il tema è risultato mediamente rilevante dal punto di vista esterno ma scarsamente rilevante dal punto di vista interno. Banca IFIS opera infatti con un numero di sedi e filiali più contenuto rispetto ad altri istituti dato il modello di servizio focalizzato sulla presenza online. Nel complesso il tema è risultato non rilevante ai fini della Dichiarazione Non Finanziaria 2017
Temi ambientali Impiego di risorse idriche Consumi idrici Il tema è risultato scarsamente rilevante sia dal punto di vista esterno sia da quello interno. Gli unici impieghi di risorse idriche riguardano infatti gli usi civili. Nel complesso il tema è risultato non rilevante ai fini della Dichiarazione Non Finanziaria 2017
Temi ambientali Emissioni di gas ad effetto serra ed emissioni inquinanti in atmosfera Emissioni Il tema è risultato mediamente rilevante dal punto di vista esterno ma scarsamente rilevante dal punto di vista interno. Banca IFIS opera infatti con un numero di sedi e filiali più contenuto rispetto ad altri istituti dato il modello di servizio focalizzato sulla presenza online. Nel complesso il tema è risultato non rilevante ai fini della Dichiarazione Non Finanziaria 2017
Temi attinenti alla gestione del personale misure volte ad attuare le convenzioni di organizzazioni internazionali e sovranazionali in materia, modalità con cui è realizzato il dialogo con le parti sociali Relazioni sindacali Il tema è risultato scarsamente rilevante sia dal punto di vista esterno sia da quello interno, in particolare poiché divenuto pertinente per la Banca solo a seguito delle ultime acquisizioni societarie che hanno comportato l'introduzione, nel perimetro, delle Rappresentanze Sindacali Aziendali già presenti nelle società acquisite. La rilevanza interna del tema potrà quindi aumentare nel tempo e sarà monitorata per le future Dichiarazioni Non Finanziarie
Rispetto dei diritti umani misure adottate per prevenirne le violazioni Altri diritti umani I diritti umani ad esclusione della non discriminazione (risultata mediamente rilevante sia per il contesto esterno sia per la Banca e inclusa nella Dichiarazione Non Finanziaria 2017) sono risultati mediamente rilevanti dal punto di vista esterno ma non rilevanti dal punto di vista interno, dal momento che la Banca non ha identificato – alla luce delle proprie attività e dei business in cui opera – rischi di violazione dei diritti umani in maniera né diretta né indiretta
 

Modalità di calcolo degli indicatori e principali assunzioni

Si riportano di seguito le formule e le assunzioni utilizzate per il calcolo degli indicatori quantitativi, ove non espressamente previsti dai GRI Standards:

  • Dipendenti per categoria professionale (ogni volta che è presente tale suddivisione): il personale estero (19 persone, di cui 7 uomini e 12 donne) è stato ricompreso nella categoria “Impiegati” in quanto non applicabile la classificazione delle categorie professionali adottata per il personale Italia
  • Tasso di nuovi dipendenti assunti: rapporto tra il totale dei dipendenti assunti nell’anno e il totale dei dipendenti al 31/12
  • Tasso di turnover: rapporto tra il totale dei dipendenti usciti nell’anno e il totale dei dipendenti al 31/12
  • Dipendenti coperti da accordi di contrattazione collettiva: il dato rappresenta tutto il personale operante in Italia (1.451 persone) e 6 dipendenti con sede in Romania, coperti da contrattazione collettiva locale. Il rimanente 1% è rappresentato dal personale in Polonia a cui si applica la normativa locale, che non prevede contrattazione collettiva
  • Rapporto tra la retribuzione base delle donne e quella degli uomini per categoria professionale: la retribuzione base fa riferimento alla Retribuzione Annua Lorda per categoria
  • Tasso di infortuni per tipologia: rapporto tra il numero di infortuni registrati e il numero totale di dipendenti al 31/12

   

Factsheet
2017

Prezzo 31/12/2017 €40,77

Yield 2,45%

Market Cap €2.2bn

Dividendo €1/azione

Naviga per intero

PRINCIPALI EVIDENZE

Milano (IF.MI)

Fitch, BB+ outlook stabile

Prezzo
al 31/12/2017
€40,77

Yield
al 31/12/2017
2,45%

Market Cap
al 31/12/2017
€2.2bn

Dividendo
 
€1/azione

BACKGROUND

  • Banca IFIS (IF.MI) è un player nella finanza specializzata, con focus sul finanziamento delle PMI grazie ad un’offerta completa di soluzioni, dal credito commerciale a breve termine, alla finanza a medio e lungo termine fino alla finanza strutturata.
  • Banca IFIS è inoltre leader nel mercato NPL italiano ed è presente nel settore dei crediti fiscali.
  • Il Gruppo ha un modello di business solido e diversificato, che permette di raggiungere risultati eccellenti in termini di profittabilità e di qualità creditizia.
  • Sono tre i pilastri che guidano le decisioni del management: profittabilità, liquidità e capitale.
  • Fondata nel 1983 by Sebastien Egon Fürstenberg, attuale Presidente, Banca IFIS è quotata alla Borsa di Milano (segmento Star) dal 2003, con una capitalizzazione di €2.2 miliardi alla fine del 2017.
  • L’istituto ha acquisito l’ex Gruppo Interbanca nel 2016, Cap.Ital.Fin S.p.A. all’inizio del 2018 e sempre nel 2018 ha annunciato l’acquisizione di Credifarma S.p.A.
  • Per quanto riguarda la raccolta, la Banca ha lanciato con successo nel 2008 il conto deposito online rendimax; nel 2017 ha completato l’emissione di un bond Tier 2 da 400 milioni, annunciando anche un programma EMTN da €5 miliardi di euro.

Andamento azionario

MDI - Contribuzione per settore

Totale impieghi
Eu Mn

NPL gestiti ed acquistati
(valore contabile lordo) - Eu Bn

Andamento azionario
MDI - Contribuzione per settore
Totale impieghi<br />Eu Mn
NPL gestiti ed acquistati<br />(valore contabile lordo) - Eu Bn

OPPORTUNITÀ DI CRESCITA FUTURE

  • Banca IFIS è ben posizionata per continuare a capitalizzare, attraverso l’acquisizione dei portafogli di NPL, nella ristrutturazione dei bilanci delle banche in Italia e nel resto d’Europa
  • Focus continuo sul credito alle micro, piccole e medie imprese che è meno competitivo, e che le banche tradizionali hanno difficoltà ad erogare.
  • Creazione di valore dall’acquisizione dell’ex Gruppo Interbanca, finalizzata a fine novembre 2016.
  • Completamento dell’offerta di soluzioni alle PMI
  • L’acquisizione porta competenze di valore, dimensione e capitale al Gruppo.
  • Sviluppo nel finanziamento delle diverse catene di produzione in Italia.
  • ONGOING: nel 2018 focus sulle acquisizioni di Credifarma (finanziamento delle farmacie italiane) e Cap.Ital.Fin S.p.A. (cessione del quinto)

Quattro anni di crescita
solida e costante

Azionariato

Quattro anni di crescita<br />solida e costante
Azionariato

Risultano evidenziati nel grafico gli azionisti di Banca IFIS che possiedono direttamente o indirettamente strumenti finanziari rappresentativi del capitale con diritto di voto di Banca IFIS in misura superiore al 3%, o superiori al 2% per gli azionisti che risultano anche Consiglieri della Banca.

Nota Integrativa consolidata
Download Center